SMAR-TeR Next Generation of SMARt Active Inceptor for Tilt Rotor Application

SMAR-TeR è un progetto di ricerca che rientra nel programma europeo di ricerca e sviluppo Clean Sky 2, nato per avviare partenariati pubblico-privati tra la Commissione europea e l’industria aeronautica europea con il fine di realizzare velivoli innovativi in termini di impatto ambientale, cioè più silenziosi, più efficienti nei consumi ed in generale più rispettosi dell’ambiente nel corso dell’intero loro ciclo vita.

In questo scenario, il progetto SMAR-TeR mira a rispondere ad un’esigenza della Leonardo Aeronautica riguardo lo studio e la definizione delle specifiche di comandi di volo di nuova generazione per aeroplani di tipo tilt rotor, i cosidetti Convertiplani. Obiettivo del progetto è la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione a livello prototipale di nuove architetture dei comandi di volo caratterizzati dalla presenza di sensoristica aptica, in grado cioè di fornire un ritorno di forza al pilota (e quindi una percezione sensoriale dell’azionamento del comando), nonostante il collegamento tra comando ed attuatori sia di tipo elettronico (fly-by-wire)

Il consorzio che svilupperà il progetto è costituito dalla Mare Engineering, dalla Umbria Aerospace Systems SpA (UAS) e, in qualità di enti di ricerca, da due centri di ricerca europei di eccellenza in ambito di Information Tecnology e di simulazioni cibernetiche ed approcci cognitivi come il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa ed il Dipartimento di Human Perception, Cognition and Action del Max Planck Institute for Biological Cybernetics di Tubinga (Germania).

In SMAR-TeR, Mare Engineering si occuperà del coordinamento tecnico-scientifico del progetto, con specifiche responsabilità di coordinamento tra l’ente europeo di controllo (Joint Undertaking JU) e l’ente richiedente (Leonardo Aeronautica), nonché di tutte le attività di disseminazione, tutela e comunicazione delle informazioni e delle conoscenze sviluppate nell’ambito del progetto. Inoltre, in sinergia con la propria controllata, la  Linup s.r.l.., la Mare Engineering si occuperà di supportare le attività iterative di progettazione e validazione del progetto dei comandi attraverso l’utilizzo, nella fase iniziale di progettazione, di simulazioni virtuali e strumenti di realtà virtuale e realtà aumentata, e nella seconda fase di sensoristica ergonomica per validare le prime ipotesi architetturali, in modo da rendere indispensabile la realizzazione di un “mockup” fisico solo ed esclusivamente nelle ultimissime fasi del progetto. Questo innovativo approccio potrà consentire notevoli risparmi di tempi e costi di progettazione, accorciando i tempi per ottimizzare la soluzione progettuale e riducendo al minimo le attività di prototipazione fisica del sistema.