HuManS – Human centered Manufacturing Systems

Il progetto di ricerca Humans, affronta il tema della progettazione delle stazioni di lavoro manuale nel settore manufatturiero, con metodologie e strumenti digitali innovativi.

Se consideriamo in generale una postazione di lavoro, essa va configurata in funzione del personale coinvolto, ridefinendo geometrie, caratteristiche tecniche e di interfaccia “adattate” ad esso. La capacità di generare stazioni di lavoro fortemente auto-adattative favorisce la sinergia del lavoro manuale con il resto del sistema fabbrica.

Ciò è possibile mediante l’opportuna integrazione di una complessa rete di sensori a bordo delle attrezzature e delle aree di lavoro, eventualmente indossati dallo stesso operatore, ed, ove possibile, può anche essere considerata l’ipotesi di impiegare dispositivi di ausilio al lavoro del tipo “esoscheletri” o, in generale, “robot indossabili”; altro aspetto che potrebbe favorire una maggiore integrazione dell’operatore con l’ambiente fabbrica, è quello legato all’impiego dei robot collaborativi..

Il programma di ricerca è in fase di sviluppo da parte di un consorzio di partner che comprende aziende leader nel settore dei sistemi di produzione e delle tecnologie ad essi associate (robotica industriale, soluzioni ICT avanzate, …), nonché università d rilevanza nazionale ed internazionale.

L’Azienda COMAU, una delle principali nel settore dei sistemi di produzione industriali, ha promosso la partecipazione al programma dei propri maggiori clienti italiani (FCA, FPT), soprattutto nella fase di definizione delle specifiche e nella validazione finale; la stessa Comau ha anche promosso la partecipazione di alcuni dei principali fornitori della propria filiera industriale (EICAS, ROBOX, LINUP, NOVASIS, DMD, HTC, POLI MODEL, PRO LOGIC, SCREEN 99), nonché dei maggiori centri di ricerca attivi nel campo delle nuove tecnologie e metodologie di processo (CRF, CNR-IEIIT). Sono state inoltre coinvolte nel progetto università eccellenti, con competenze riconosciute nel settore (Politecnico di Torino, Università di Torino).

La Mare Engineering è coinvolta nella progettazione e integrazione di strumenti di Realtà Aumentata, per facilitare la formazione del personale direttamente sulla linea, mediante l’ausilio di informazioni generate direttamente durante lo svolgimento delle proprie mansioni e disponibili attraverso dispositivi indossabili o immediatamente prossimi alla postazione di lavoro.