dati marketing

Come utilizzare i big data per migliorare il marketing e la comunicazione.

I Big data non appartengono solo ai colossi del web, sono una risorsa per la crescita di ogni tipo di Business. In questo articolo ti spieghiamo come utilizzarli per la tua attività di marketing

 Big Data, non solo per i colossi del web. Questi strumenti sono indispensabili per la crescita di tutte le imprese e sono alla base delle strategie di sviluppo delle aziende di tutti i settori. Ma, è soprattutto con l’evoluzione del marketing digitale e della comunicazione online che questi elementi sono diventati indispensabile per elaborare strategie sempre più mirate e vincenti. Tanto da arrivare a parlare, oggi, di big data marketing.

I dati al servizio di marketing e comunicazione digitale

Cosa sono i big data e come possono orientare le scelte strategiche delle imprese che vogliono intercettare clienti attraverso il web? In particolare attraverso l’analisi dei dati è diventato possibile intercettare in modo chiaro e rispondere alle esigenze e richieste sempre nuove degli utenti. Non essere in grado di intercettare e padroneggiare questi elementi rappresenta un gap competitivo che nessuna impresa – di grandi o piccole dimensioni – può permettersi.

È per questa ragione che all’interno del percorso di innovazione e trasformazione digitale, affianchiamo le pmi in un processo di avvicinamento al nuovo volto del marketing e della comunicazione. Conoscere il cliente da vicino, guidarlo nelle scelte e nella comprensione dei nuovi bisogni e delle nuove necessità è fondamentale per fidelizzare e rispondere in modo puntuale alle trasformazioni del mercato. 

Scopri di più su i nostri servizi alle imprese. Vai ai servizi

Raccolta dati, specchio del nuovo consumatore

Con il termine big data ci si riferisce, in genere, a dati aggregati, enormi quantità di informazioni che le persone, i consumatori, lasciano dietro di sé navigando in internet, facendo acquisti, iscrivendosi a programmi premio e compilando form per carte fedeltà. Dalla suddivisione e successiva analisi di queste informazioni è possibile trarre risposte capaci di riflettere, come in uno specchio, l’evoluzione della figura del consumatore. 

I big data sono dati non strutturati, formati dall’insieme di elementi multimediali (video, audio, foto, testi) capaci di offrire risposte solo attraverso analisi semantiche, sempre più veloci ed efficaci grazie al ricorso ad algoritmi sempre più sofisticati. 

Perché sono utili in ambito marketing e comunicazione? 

Niente di più semplice. La conoscenza dettagliata del nuovo consumatore consente di creare campagne di inbound marketing mirate, permette di avviare campagne programmatiche di Audience Targeting o di partecipare della grande rivoluzione del automation marketing. Conseguenza diretta? Un importante abbassamento del numero di campagne che possono tradursi in un buco nell’acqua. 

Questo aspetto diventa sempre più rilevante in uno scenario caratterizzato da consumatori sempre più consapevoli e informati. 

Interessi, desideri, bisogni: gli elementi capaci di influenzare il profilo del consumatore tipo sono, oggi, tanto numerosi da annullare il concetto stesso di “consumatore tipo”. Lo stesso soggetto può rispondere a caratteristiche che, nel precedente mercato, erano attribuite a tipologie di consumatori diverse. Diventa fondamentale una strategia basata su elementi scientifici, come i big data, per poter offrire risposte altamente personalizzate.

Dati e marketing, vietato restare indietro

In questo scenario si inserisce lo sviluppo di una nuova disciplina, capace di recepire le trasformazioni in corso: il big data marketing. La disciplina che aiuta le imprese a fare le scelte giuste. È l’insieme delle tecniche e degli strumenti utilizzati per tradurre i dati in scelte, capaci di influenzare il comportamento del consumatore finale. I dati rappresentano il principale bene intangibile di un’azienda, una vera e propria miniera d’oro che consente di rilevare problemi e opportunità, prendere decisioni, migliorare il posizionamento dei prodotti e dei servizi di un brand.

Ma perché i big data sono importanti per definire strategie di marketing e comunicazione? 

Perché consentono di:

  1. Scoprire nuove opportunità;
  2. Comprendere meglio l’esperienza del consumatore, rafforzando anche il legame con lo stesso;
  3. Monitorare costantemente le tendenze del mercato per elaborare le migliori strategie;
  4. Personalizzare la propria offerta;
  5. Identificare il singolo contenuto capace di spingere i clienti lungo l’imbuto delle vendite;
  6. Estrarre dati e tradurli in informazioni.

Leggi anche: BUSINESS INTELLIGENCE: COME PUÒ ESSERE UTILE ALLA TUA AZIENDA.

Ecco, allora, che l’analisi dei big data diventa rilevante per l’intera strategia di marketing. Non solo in fase di programmazione, ma anche e soprattutto durante il suo sviluppo, il monitoraggio dei dati durante una campagna di marketing online consentire agli esperti di intervenire in corso d’opera per apportare miglioramenti. Un aspetto ancor più rilevante per il mondo digitale, dove questa operazione può essere svolta quasi in tempo reale, ottimizzando anche la spesa. 

L’analisi consente di trasformare i big data in smart data: da numeri a insight di valore, fondamentali per massimizzare l’efficienza della comunicazione online e le vendite on e offline di qualsiasi tipologia di business.