Business Intelligence

Business intelligence: come può essere utile alla tua azienda

Molte aziende affermano di conoscere il significato di Business Intelligence, ma di non sapere come implementarla nei loro processi lavorativi. In questo articolo proviamo a spiegare come la B.I. può essere utile a ogni tipo di azienda.

Estrarre valore dai dati: è questa la nuova sfida per le piccole e medie imprese. I big data rappresentano il nuovo petrolio per il tessuto produttivo, un dato ormai acquisito e di cui tutti sono consapevoli, ma che non tutte le aziende sono pronte a trasformare in azioni concrete.

Big data: un potenziale inespresso senza business intelligence.

Che i big data rappresentino un asset strategico per le imprese italiane è una certezza. Non tutti però sanno che per estrarre valore da questi elementi per poterne usare a pieno la portata innovativa è necessario avvalersi delle competenze giuste e della giusta tecnologia. Business intelligence: è questa la strada per tradurre i dati aggregati in vendite, fatturato, brand awareness. Ancor più rilevante dei big data, infatti, è il processo di raccolta, validazione, analisi ed estrazione dei dati stessi. Solo così, infatti, le aziende – sia quelle di grandi dimensioni che le PMI – potranno assumere consapevolmente le decisioni strategiche e far crescere il loro business.

Business intelligence a misura di pmi.

I servizi legati a big data e business intelligence, a differenza di quanto si potrebbe pensare, non sono appannaggio delle grandi imprese. Questi servizi assumono rilevanza maggiore per la competitività e le strategia di crescita anche e, soprattutto, delle realtà produttive di dimensioni più ridotte. Da questa consapevolezza nasce l’impegno di avvicinare tutti gli strumenti della trasformazione digitale e dell’innovazione alle pmi.

Con la recente acquisizione di Eclettica, infatti, il nostro Gruppo ha scelto di consolidare le proprie competenze in tema di big data e business intelligence, puntando sull’esperienza e le competenze della PMI innovativa partecipata dall’incubatore certificato Digital Magics.

Leggi di più sull’acquisizione di Eclettica in Mare Group: clicca qui.

Tutte le fasi della business intelligence.

La business intelligence, attività svolta da figure professionali altamente specializzate e molto ricercate sul mercato del lavoro, si articola in momenti diversi, tutti determinanti per il risultato finale. Si va dalla raccolta all’estrazione di dati elaborati. La raccolta fa riferimento a banche dati di natura diversa (da quelle demografiche a quelle psicografiche), selezionare fonti e temi di interesse in linea con le esigenze del proprio cliente è l’aspetto più rilevante in questa fase. Il momento successivo all’analisi dei dati è quello della loro normalizzazione. In questo secondo step i dati vengono puliti, validati e integrati dal business analyst. L’obiettivo è quello di selezionare solo le informazioni in linea con le esigenze specifiche della clientela, confrontando tutto il materiale raccolto. A questo punto inizia la fase di analisi vera e propria. Il processo, poi, si conclude con l’elaborazione, l’aggregazione e l’analisi dei dati: che può portare all’elaborazione di tendenze, statistiche ed elementi di valutazione per la crescita del business. I modelli di analisi adottati in questa terza fase possono essere diversi. I più comuni sono:

  • Descriptive Analytics (dati riferiti a situazioni attuali o precedenti, relativi al mercato).
  • Predictive Analytics (risposte relative alle tendenze del mercato nel futuro con l’applicazione di strumenti matematici come il forecasting, la regressione e l’applicazione di modelli predittivi).
  •  Prescriptive Analytics (report e azioni strategiche data driven).
  • Automated Analytics (machine learning per email marketing, modifica del prezzo di un prodotto online o altre attività).

Perché investire nella Business Intelligence.

A seconda del modello di analisi selezionato, è possibile ottenere risultati diversi. Quel che è certo, però, come già anticipato, è che oggi la business intelligence rappresenta un asset competitivo da non sottovalutare, quello capace di fare la differenza sul mercato. Decisioni strategiche e piani di crescita prendono vita proprio da qui. 

Grazie alle misure messe in campo dal Governo per incentivare e agevolare la trasformazione digitale delle imprese, con il piano Transizione 4.0 è possibile investire in strumenti innovativi come la Business intelligence fruendo di incentivi e credito d’imposta. 

Usa il credito d’imposta e ottieni ora la Business intelligence per la tua azienda.

Forniamo le competenze per raccogliere, analizzare e catalogare grandi quantità di dati. Con il nostro percorso è possibile costruire un mindset utile a interpretare le informazioni in modo da poter prendere decisioni strategiche.

Ma quali sono gli ulteriori vantaggi che la business intelligence può offrire alle imprese?

  1.   Decisioni orientate ai dati
  2.   Economicità del processo
  3.   Omogeneità delle informazioni
  4.   Velocità ed efficacia delle decisioni
  5.   Migliore gestione dei dati aziendali

I maggiori benefici saranno quelli registrati dal reparto marketing ma anche la produzione e la stessa gestione aziendale potranno essere completamente rivoluzionate da una corretta e produttiva analisi dei dati.