Bonus Investimenti sud 2021 incentivi imprese sud

Bonus Investimenti Sud 2021, proroga per altri due anni.

Con il Bonus Investimenti Sud 2021 la Legge di Bilancio guarda alle imprese del Mezzogiorno e rilancia il Piano Sud 2030, definendo un percorso preciso, fondato su innovazione e cambiamento.

Tre i pilastri: investimenti, infrastrutture e giovani.

Dalle misure fiscali per il lavoro al rilancio del Bonus Sud, combinato con il credito d’imposta investimenti in beni strumentali, sono diverse le direttive per il rilancio dell’economia del territorio del Mezzogiorno.

Piano Sud 2030: sfoglia le slide

Bonus Investimenti Sud 2021, prorogato fino al 2022. di cosa si tratta?

Introdotto con la Manovra 2016, il Credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno – PON “Imprese e competitività” 2014-2020 (FESR) aveva validità compresa tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2019. Si tratta di un credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive situate nelle regioni meridionali: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo. Prorogato prima al 31 dicembre 2020, oggi la nuova Legge di Bilancio rinnova il Bonus Investimenti sud per il 2021 e proroga la scadenza della misura fino 2022.

Che cos’è il Bonus investiementi sud 2021? È una misura a cui possono accedere le piccole e medie imprese che hanno ricevuto dall’Agenzia delle Entrate l’autorizzazione alla fruizione del credito di imposta in relazione a progetti di investimento riguardanti l’acquisizione di beni strumentali nuovi, per un ammontare minimo dell’investimento pari a 500 mila euro e riconducibili agli ambiti applicativi della Strategia nazionale di specializzazione intelligente. Sono escluse le attività economiche di agricoltura, silvicoltura e pesca.

Ricapitolando, il Bonus Investimenti Sud 2021 spetta a PMI con sede in:

  • Campania
  • Puglia
  • Basilicata
  • Calabria
  • Sicilia
  • Molise
  • Sardegna
  • Abbruzzo

Sostiene, anche mediante contratti di locazione finanziaria, l’acquisto di:

  • nuovi macchinari
  • impianti
  • attrezzature

La misura del credito d’imposta – che spetta anche per investimenti sostenuti negli anni precedenti – è pari al:

  • 45%per le piccole imprese
  • 35% per le medie imprese
  • 25%per le grandi imprese

Cambiano, però, le percentuali per Molise e Abruzzo:

  • 30% per le piccole imprese
  • 20% per le medie imprese
  • 10% per le grandi imprese.

Bonus per l’acquisto di beni strumentali, è possibile?

Il Bonus per le regioni meridionali nasce proprio per favorire l’acquisto di beni strumentali innovativi. Con l’introduzione, a partire dal 2020, dell’apposito credito di imposta destinato agli investimento in beni strumentali, previsto dal Piano Transizione 4.0 ed esteso a tutto il territorio nazionale, l’agevolazione diventa ancora più vantaggiosa. I due strumenti, infatti, sono cumulabili, nei limiti di quanto stabilito e spiegato dalla Agenzia delle Entrate.

Scopri se la tua azienda rientra tra quelle che possono beneficiare delle misure.

I nostri consulenti sono a tua disposizione per indicarti le migliori opportunità al servizio della tua impresa.

Cumulando il Bonus Sud con altri incentivi e recupera il 100%

Il Bonus Sud è “cumulabile con aiuti de minimis e con altri aiuti di Stato che abbiano a oggetto i medesimi costi ammessi al beneficio, a condizione che tale cumulo non porti al superamento dell’intensità o dell’importo di aiuto più elevati consentiti dalle pertinenti discipline europee di riferimento”. Il credito d’imposta investimenti in beni strumentali, invece, è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano a oggetto i medesimi costi. A condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile Irap, non porti al superamento del costo sostenuto.

L’Agenza delle Entrate, con la risposta n° 360/2020, ha specificato che i due strumenti (Bonus Investimenti Sud e Credito d’Imposta) possono essere considerati cumulabili, a condizione che questo non porti al superamento del costo sostenuto per l’investimento.